Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Bombay Bicycle Club - Leave It

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Leave It

Bombay Bicycle Club

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Leave It

Bombay Bicycle Club

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Leave It (Acoustic)
00:02:51

Bombay Bicycle Club, MainArtist - Jack Steadman, Producer, Mixer, StudioPersonnel, ComposerLyricist - Lucy Rose, Background Vocalist, AssociatedPerformer - Barry Grint, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2011 Universal Island Records, a division of Universal Music Operations Limited

2
Leave It (Flipbook Mix)
00:03:41

George Marino, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Craig Silvey, Mixer, StudioPersonnel - Ian Dowling, Engineer, StudioPersonnel - Bombay Bicycle Club, MainArtist - Jack Steadman, Producer, Additional Producer, ComposerLyricist - Bryan Wilson, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Lucy Rose, Background Vocalist, AssociatedPerformer - Rob Jones, Re-Mixer, StudioPersonnel - Jeremy Abbiss, Producer

℗ 2011 Universal Island Records, a division of Universal Music Operations Limited

3
Lights Out, Words Gone (Rub A Dub)
00:03:11

Bombay Bicycle Club, MainArtist - Jack Steadman, Producer, ComposerLyricist - Lucy Rose, Background Vocalist, AssociatedPerformer - Barry Grint, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2011 Universal Island Records, a division of Universal Music Operations Limited

4
Shuffle (Acoustic)
00:02:52

Bombay Bicycle Club, MainArtist - Jack Steadman, Producer, Mixer, StudioPersonnel, ComposerLyricist - Lucy Rose, Additional Vocals, AssociatedPerformer - Barry Grint, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2011 Universal Island Records, a division of Universal Music Operations Limited

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Plays Live Peter Gabriel
Secret World Live Peter Gabriel
Flotsam And Jetsam Peter Gabriel
So Peter Gabriel
Altro su Qobuz
Di Bombay Bicycle Club
Everything Else Has Gone Wrong Bombay Bicycle Club
I Can Hardly Speak Bombay Bicycle Club
Flaws Bombay Bicycle Club
Everything Else Has Gone Wrong Bombay Bicycle Club
Ti potrebbe piacere anche...
Myopia Agnes Obel
Ghosteen Nick Cave & The Bad Seeds
Nelle Panoramiche...
Jack White al salvataggio del rock

Dagli White Stripes alla svolta come solista, Jack White ha suonato la campana a morto di un rock ormai andato a male. Dieci anni dopo «Seven Nation Army», il genio dai mille progetti profetizza che la riscossa del rock sta arrivando in forza. Nell’attesa, una retrospettiva sul fenomeno White.

Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo, nemmeno a quarantacinque anni dalla sua uscita.

Nel magazine...