Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Bat For Lashes - Laura

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Laura

Bat For Lashes

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Laura

Bat For Lashes

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Laura 00:04:27

Natasha Khan, Composer, Producer, Vocals, Arrangement Horn, Strings - David Kosten, Engineer, Production - Chris Worsey, Cello - Ian Burdge, Cello - Richard Pryce, Double Bass - Richard Watkins, French Horn - John Davis, Mastering Engineer, Masterer - Mike Kearsey, Trombone - Alexis Smith, Engineer - Sally Herbert, Conductor - Sophie Harris, Cello - Dan Carey, Producer, Mixer, Engineer - Bat For Lashes, MainArtist - Oren Marshall, Tuba - Justin Parker, Composer, Engineer, Piano, Vocal Producer, Recorded by - Dan Newell, Trumpet - Steve Rossell, Double Bass - Sam O'Kell, Engineer, Recording Engineer

2012 The Echo Label Ltd under exclusive licence to Parlophone Records Ltd. This label copy information is the subject of copyright protection. All rights reserved. (C) 2012 Parlophone Records Ltd 2012 The Echo Label Ltd under exclusive licence to Parlophone Records Ltd, a Warner Music Group Company

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Bat For Lashes
Lost Girls Bat For Lashes
The Bride Bat For Lashes
Kids In The Dark Bat For Lashes
Fur And Gold Bat For Lashes
The Haunted Man Bat For Lashes
Ti potrebbe piacere anche...
Welcome To The Vault Steve Miller Band
Abbey Road The Beatles
Free Iggy Pop
Paul Is Live Paul McCartney
Nelle Panoramiche...
British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Eric Clapton sul filo del rasoio

Una versione dance di “Jingle Bells”, un “Lonesome Christmas” o un “White Christmas” più blues, il tutto su un album di Natale (“Happy Xmas”). Sogno o realtà? Eric Clapton lo ha fatto. In fondo, se persino Bob Dylan si è sacrificato in nome della tradizione (con l’album “Christmas in the Heart”), perché non dovrebbe farlo Dio in persona? Non che sia la prima volta che il musicista britannico, vicino ai 74, si allontana da un blues più o meno tradizionale, ma fin qui non si era ancora mai spinto…

Guns N’ Roses, La fame giustifica i mezzi

Mentre le vendite del mitico Appetite For Destruction stanno per raggiungere i 10 milioni di copie negli Stati Uniti, chi si ricorda, oggi, che questo disco ha rischiato di non essere pubblicato? I legami che univano Axl Rose, Slash, Duff McKagan, Izzy Stradlin e Steven Adler erano fragili, e oltretutto il destino sembrava accanirsi su quel gruppo che sembrava sempre in ritardo cronico sui Mötley Crüe, i Ratt, i Cinderella e i Dokken. È stato quasi per un atto di carità che David Geffen aveva accettato di accogliere questo gruppo senza dimora alla sua etichetta. Non ha dovuto rimpiangere il suo altruismo...

Nel magazine...