Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Keith Jarrett - Keith Jarrett 75 - A Sequence by Manfred Eicher

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Keith Jarrett 75 - A Sequence by Manfred Eicher

Keith Jarrett

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 48.0 kHz - Stereo

Scarica questo album per un ascolto illimitato

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

In occasione del 75° compleanno di Keith Jarrett, il suo più grande partner ha raccolto i cinque brani di questo album, disponibile esclusivamente su Qobuz. Questo socio, che possiamo definire un vero amico del pianista americano, è Manfred Eicher, produttore e fondatore di ECM, che è stata l’etichetta di Keith Jarrett per quasi 50 anni. Il 10 novembre 1971, Jarrett è solo davanti al suo pianoforte mentre Eicher è al mixer, intento ad incidere il primissimo disco per ECM del pianista: Facing You. “Non so nemmeno quanti dischi abbiamo fatto assieme”, ha detto il produttore tedesco a Qobuz qualche anno fa. “Ma ripensandoci a posteriori, è un risultato magnifico. Continuità, è tutta una questione di continuità. È il modo migliore per riuscire a creare e sviluppare nuove cose.”


Interazioni di gruppi dinamici e improvvisazioni solistiche di immensa profondità: la musica di Keith Jarrett che Manfred Eicher ha selezionato appositamente per Qobuz evidenzia la straordinaria creatività del grande pianista in diversi contesti musicali. Fare un’accurata selezione dalla sua ampia discografia non deve essere stato facile. Keith Jarrett 75 offre la possibilità di ascoltare il pianista in solo, in duo, in trio e in quartetto... Cominciando da Never Let Me Go, brano estratto da Standards, Vol. 2, registrato nel gennaio 1983 assieme al contrabbassista Gary Peacock e al batterista Jack DeJohnette. Esordio di un grande trio che si reinventa costantemente rivisitando all’infinito le grandi pagine della storia del jazz... A questo intenso flusso di improvvisazione segue Creation, Part VII, registrato all’Auditorium Parco della Musica di Roma l’11 luglio 2014, tratto dall’album Creation. Una lunga suite di accordi che ricordano i legami che Jarrett ha intessuto con il repertorio classico... Uno sguardo al passato per il terzo brano, Personal Mountains, registrato il 16 aprile 1979 a Tokyo con il sassofonista Jan Garbarek, il contrabbassista Palle Danielsson e il batterista Jon Christensen, tratto dall’album Sleeper, che uscirà solo nel luglio 2012. Questo tema è caratterizzato sia dalla rabbia che dal lirismo, e dimostra come i due musicisti scandinavi che gli fanno da spalla abbiano permesso all’americano di sviluppare una semantica originale... Mentre No Moon At All, registrato nel 2007 con il contrabbassista Charlie Haden e pubblicato tre anni dopo sull’album Jasmine, è la magia di un ricongiungimento dopo più di trent’anni di separazione, un momento commovente che fa stringere il cuore. L’ego viene messo da parte, e quel che resta è una conversazione extra-terrestre e sublime... Per concludere questa celebrazione, Manfred Eicher sceglie di tornare al trio Jarrett / Peacock / DeJohnette, con Flying Part 1, dall’album Changes. Anche se è stato registrato durante le sessioni del gennaio 1983 degli album Standards, Vol.1 e Vol. 2, questa volta si tratta di un’improvvisazione su un tema creato da Jarrett, che amplifica la sua interazione con la ritmica, alla quale lascia molto spazio. Un magico epilogo di un album su un musicista il cui universo sembra infinito. © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

Keith Jarrett 75 - A Sequence by Manfred Eicher

Keith Jarrett

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Scarica questo album per un ascolto illimitato

1
Never Let Me Go
00:07:57

Jerry Livingston, ComposerLyricist - JACK DEJOHNETTE, Drums, AssociatedPerformer - Keith Jarrett, Piano, MainArtist, AssociatedPerformer - Jan Erik Kongshaug, Recording Engineer, StudioPersonnel - RAYMOND B. EVANS, ComposerLyricist - Gary Peacock, Double Bass, MainArtist, AssociatedPerformer - Manfred Eicher, Producer - Jack De Johnette, MainArtist

℗ 1985 ECM Records GmbH, under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

2
Creation Pt. VII - Live At Auditorium Parco della Musica, Rome / 2014 Live At Auditorium Parco della Musica, Rome / 2014
00:08:15

Keith Jarrett, Composer, Producer, MainArtist - Martin Pearson, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 2015 ECM Records GmbH, under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

3
Personal Mountains - Live At Nakano Plaza Hall, Tokyo / 1979 Live At Nakano Plaza Hall, Tokyo / 1979
00:14:57

Keith Jarrett, Composer, Piano, MainArtist, AssociatedPerformer - Jan Erik Kongshaug, Recording Engineer, StudioPersonnel - Palle Danielsson, MainArtist - Jon Christensen, Drums, MainArtist, AssociatedPerformer - Manfred Eicher, Producer - Jan Garbarek, Tenor Saxophone, MainArtist, AssociatedPerformer - Palle Danielson, Double Bass, AssociatedPerformer

℗ 2012 ECM Records GmbH, under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

4
No Moon At All
00:04:43

Charlie Haden, MainArtist - Keith Jarrett, Producer, MainArtist - REDD EVANS, ComposerLyricist - David A. Mann, ComposerLyricist - Martin Pearson, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 2010 ECM Records GmbH, under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

5
Flying Pt. 1 Pt. 1
00:16:05

JACK DEJOHNETTE, Drums, MainArtist, AssociatedPerformer - Keith Jarrett, Composer, Piano, MainArtist, AssociatedPerformer - Jan Erik Kongshaug, Recording Engineer, StudioPersonnel - Gary Peacock, Double Bass, MainArtist, AssociatedPerformer - Manfred Eicher, Producer

℗ 1984 ECM Records GmbH, under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

Descrizione dell'album

In occasione del 75° compleanno di Keith Jarrett, il suo più grande partner ha raccolto i cinque brani di questo album, disponibile esclusivamente su Qobuz. Questo socio, che possiamo definire un vero amico del pianista americano, è Manfred Eicher, produttore e fondatore di ECM, che è stata l’etichetta di Keith Jarrett per quasi 50 anni. Il 10 novembre 1971, Jarrett è solo davanti al suo pianoforte mentre Eicher è al mixer, intento ad incidere il primissimo disco per ECM del pianista: Facing You. “Non so nemmeno quanti dischi abbiamo fatto assieme”, ha detto il produttore tedesco a Qobuz qualche anno fa. “Ma ripensandoci a posteriori, è un risultato magnifico. Continuità, è tutta una questione di continuità. È il modo migliore per riuscire a creare e sviluppare nuove cose.”


Interazioni di gruppi dinamici e improvvisazioni solistiche di immensa profondità: la musica di Keith Jarrett che Manfred Eicher ha selezionato appositamente per Qobuz evidenzia la straordinaria creatività del grande pianista in diversi contesti musicali. Fare un’accurata selezione dalla sua ampia discografia non deve essere stato facile. Keith Jarrett 75 offre la possibilità di ascoltare il pianista in solo, in duo, in trio e in quartetto... Cominciando da Never Let Me Go, brano estratto da Standards, Vol. 2, registrato nel gennaio 1983 assieme al contrabbassista Gary Peacock e al batterista Jack DeJohnette. Esordio di un grande trio che si reinventa costantemente rivisitando all’infinito le grandi pagine della storia del jazz... A questo intenso flusso di improvvisazione segue Creation, Part VII, registrato all’Auditorium Parco della Musica di Roma l’11 luglio 2014, tratto dall’album Creation. Una lunga suite di accordi che ricordano i legami che Jarrett ha intessuto con il repertorio classico... Uno sguardo al passato per il terzo brano, Personal Mountains, registrato il 16 aprile 1979 a Tokyo con il sassofonista Jan Garbarek, il contrabbassista Palle Danielsson e il batterista Jon Christensen, tratto dall’album Sleeper, che uscirà solo nel luglio 2012. Questo tema è caratterizzato sia dalla rabbia che dal lirismo, e dimostra come i due musicisti scandinavi che gli fanno da spalla abbiano permesso all’americano di sviluppare una semantica originale... Mentre No Moon At All, registrato nel 2007 con il contrabbassista Charlie Haden e pubblicato tre anni dopo sull’album Jasmine, è la magia di un ricongiungimento dopo più di trent’anni di separazione, un momento commovente che fa stringere il cuore. L’ego viene messo da parte, e quel che resta è una conversazione extra-terrestre e sublime... Per concludere questa celebrazione, Manfred Eicher sceglie di tornare al trio Jarrett / Peacock / DeJohnette, con Flying Part 1, dall’album Changes. Anche se è stato registrato durante le sessioni del gennaio 1983 degli album Standards, Vol.1 e Vol. 2, questa volta si tratta di un’improvvisazione su un tema creato da Jarrett, che amplifica la sua interazione con la ritmica, alla quale lascia molto spazio. Un magico epilogo di un album su un musicista il cui universo sembra infinito. © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Munich 2016 Keith Jarrett
After The Fall Keith Jarrett
Songs In The Key Of Life Stevie Wonder
Altro su Qobuz
Di Keith Jarrett

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
ECM in 10 album

“Il più bel suono dopo il silenzio”. Questo è stato il motto della ECM negli ultimi cinquant’anni. Manfred Eicher, il carismatico fondatore dell’etichetta di Monaco, sembra vivere in un universo parallelo. E il jazz suona diversamente sul pianeta ECM. È spesso grazie a questa etichetta che artisti come Keith Jarrett, Charles Lloyd, Jan Garbarek, Chick Corea hanno registrato i loro dischi migliori. Ancor più che con Blue Note o Impulse!, limitare l’intera storia di questa straordinaria etichetta a soli 10 dischi è una missione impossibile. Quindi, questi 10 album non raccontano “la” storia ma “una” delle possibili storie della ECM.

C'era una volta... Blue Note in 10 album

Alla più famosa di tutte le etichette jazz non mancava niente! Artisti a cinque stelle, repertori originali, ingegnosi direttori artistici associati, registrazioni audio di qualità eccezionale, sublimi copertine per i suoi album, generi eclettici (bebop, hard bop, soul jazz, modal jazz, free jazz)... La Blue Note lanciata nel 1939 da Francis Wolff e Alfred Lion, due tedeschi fuggiti dal regime nazista, avevano tutto a loro disposizione. Da questo ampio catalogo, Qobuz ha selezionato i 10 album chiave. Alcuni di loro sono dei famosi classici. Altri, meraviglie sottovalutate. Ma tutti loro restano dei punti fermi assoluti che hanno plasmato lo stile della Blue Note.

Il quartetto americano di Keith Jarrett

Keith Jarrett passò i primi sette anni della sua intensa carriera a sperimentare a più non posso a capo del quartetto americano che formava insieme a Charlie Haden, Paul Motian e Dewey Redman. Tra il 1971 e il 1976, il pianista dirigerà una specie di laboratorio matto in cui cozzeranno jazz, free puro, world e avanguardia. Una parentesi spontanea che merita di essere riscoperta.

Nel magazine...