Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Black Futures - Karma Ya Dig!?

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Karma Ya Dig!?

Black Futures

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Karma Ya Dig!?

Black Futures

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Karma Ya Dig!? 00:04:18

Pete Maher, Mastering Engineer - Paul Frazer, Composer, Lyricist, Other - Black Futures, Producer, Engineer, Mixing Engineer, Recording Engineer, MainArtist, AssociatedPerformer - Vince Welch, Composer, Lyricist, Other

(P) 2017 Music For Nations

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Black Futures
Never Not Nothing Black Futures
Me.TV Black Futures
Riches Black Futures
Love Black Futures
Trance Black Futures
Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
I segreti della cattedrale di Bob Dylan

Per i fan del mitico songwriter americano è una specie di sacro Graal: alcuni inediti del capolavoro del 1975 «Blood on the Tracks» sono stati riuniti in un cofanetto deluxe. L’occasione di assistere alla costruzione di un miracolo.

Eric Clapton sul filo del rasoio

Una versione dance di “Jingle Bells”, un “Lonesome Christmas” o un “White Christmas” più blues, il tutto su un album di Natale (“Happy Xmas”). Sogno o realtà? Eric Clapton lo ha fatto. In fondo, se persino Bob Dylan si è sacrificato in nome della tradizione (con l’album “Christmas in the Heart”), perché non dovrebbe farlo Dio in persona? Non che sia la prima volta che il musicista britannico, vicino ai 74, si allontana da un blues più o meno tradizionale, ma fin qui non si era ancora mai spinto…

1968/1972, gli anni ruggenti degli Stones

Beggars Banquet, Let It Bleed, Sticky Fingers e Exile On Main Street: in cinque anni, i Rolling Stones sfornano i loro dischi più grandi. Quattro capolavori che stravolgeranno la storia del rock’n’roll…

Nel magazine...