Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Francesco Corti|J.S. Bach: Harpsichord Concertos, Vol. 2

J.S. Bach: Harpsichord Concertos, Vol. 2

Il Pomo d'Oro, Francesco Corti

Libretto digitale

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 192.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Registrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Poche delle recenti versioni dei complessi concerti per clavicembalo di Johann Sebastian Bach sono riuscite a testimoniare una vitalità polifonica così esuberante. Probabilmente, un tale risultato ha anche a che fare con la dimensione ridotta de Il Pomo d'Oro, con un solo musicista per parte, ma il senso di ascolto di ogni musicista, la tensione armonica, così come il respiro che Francesco Corti infonde nei fraseggi, e la semplice bellezza della trama sonora, ricca di mille dettagli così sapientemente organizzati, saranno sempre considerati i grandi araldi di questo secondo volume...


Ascoltate, per esempio, il Largo del BWV 1056, con i suoi “pizzicati” degli archi, che suonano qui tanto come battiti di cuore quanto come pugnalate. Su questo tappeto sonoro il clavicembalista italiano dispiega una linea dagli orizzonti infiniti, con curve sobrie e delicate. Il Larghetto del BWV 1054, raramente tanto poetico ed espressivo, testimonia definitivamente il fatto che Johann Sebastian Bach era un appassionato di acustica e del suo naturale corollario, la risonanza. I membri de Il Pomo d'Oro (soprattutto nei registri medi e bassi, ovvero Stefano Rossi, Ludovico Minasi e Paolo Zuccheri) sottolineano con un'acutezza particolarmente sensibile le frizioni delle quali Bach cosparge il suo discorso. È una cosa che colpisce davvero. E i due concerti per tre solisti (BWV 1057 e BWV 1044) offrono delle bellezze analoghe.

Nel libretto, il clavicembalista italiano specifica che i musicisti, durante la sessione di registrazione che ha preceduto di qualche ora il lockdown che avrebbe interessato l'Italia all'inizio di marzo 2020, stavano evidentemente già avendo dei dubbi su quale sarebbe stato il loro futuro professionale e personale. Tuttavia, erano pienamente focalizzati nell'impresa, concentrati nel celebrare la potenza radiosa della musica del Cantor di Lipsia. Questo particolare non sfuggirà a nessuno. Un disco che diventerà rapidamente uno dei vostri preferiti! Speriamo che Corti possa continuare al più presto con i concerti per più clavicembali. © Pierre-Yves Lascar/Qobuz

Maggiori informazioni

J.S. Bach: Harpsichord Concertos, Vol. 2

Francesco Corti

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 70 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 70 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

Harpsichord Concerto No. 3 in D major, BWV 1054 (Johann Sebastian Bach)

1
I. Allegro
00:07:30

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

2
II. Adagio e piano sempre
00:06:06

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

3
III. Allegro
00:02:37

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

Harpsichord Concerto No. 5 in F Minor, BWV 1056 (Johann Sebastian Bach)

4
I. Allegro moderato
00:03:25

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

5
II. Largo
00:02:50

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

6
III. Presto
00:03:42

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

Harpsichord Concerto No. 6 in F Major, BWV 1057 (Johann Sebastian Bach)

7
I. Allegro
00:06:46

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist - Andrés Locatelli, Artist - Alessandro Nasello, Artist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

8
II. Andante
00:02:58

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist - Andrés Locatelli, Artist - Alessandro Nasello, Artist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

9
III. Allegro assai
00:04:45

Johann Sebastian Bach, Composer - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist - Andrés Locatelli, Artist - Alessandro Nasello, Artist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

Triple Concerto in A minor, BWV 1044 (Johann Sebastian Bach)

10
I. Allegro
00:08:11

Johann Sebastian Bach, Composer - Marcello Gatti, Artist, MainArtist - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist - Evgeny Sviridov, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

11
II. Adagio ma tanto e dolce
00:06:02

Johann Sebastian Bach, Composer - Marcello Gatti, Artist, MainArtist - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist - Evgeny Sviridov, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

12
III. Tempo di alla breve
00:06:38

Johann Sebastian Bach, Composer - Marcello Gatti, Artist, MainArtist - Il Pomo d'Oro, Ensemble, MainArtist - Francesco Corti, Artist, MainArtist - Evgeny Sviridov, Artist, MainArtist

(C) 2021 PENTATONE (P) 2021 PENTATONE

Descrizione dell'album

Poche delle recenti versioni dei complessi concerti per clavicembalo di Johann Sebastian Bach sono riuscite a testimoniare una vitalità polifonica così esuberante. Probabilmente, un tale risultato ha anche a che fare con la dimensione ridotta de Il Pomo d'Oro, con un solo musicista per parte, ma il senso di ascolto di ogni musicista, la tensione armonica, così come il respiro che Francesco Corti infonde nei fraseggi, e la semplice bellezza della trama sonora, ricca di mille dettagli così sapientemente organizzati, saranno sempre considerati i grandi araldi di questo secondo volume...


Ascoltate, per esempio, il Largo del BWV 1056, con i suoi “pizzicati” degli archi, che suonano qui tanto come battiti di cuore quanto come pugnalate. Su questo tappeto sonoro il clavicembalista italiano dispiega una linea dagli orizzonti infiniti, con curve sobrie e delicate. Il Larghetto del BWV 1054, raramente tanto poetico ed espressivo, testimonia definitivamente il fatto che Johann Sebastian Bach era un appassionato di acustica e del suo naturale corollario, la risonanza. I membri de Il Pomo d'Oro (soprattutto nei registri medi e bassi, ovvero Stefano Rossi, Ludovico Minasi e Paolo Zuccheri) sottolineano con un'acutezza particolarmente sensibile le frizioni delle quali Bach cosparge il suo discorso. È una cosa che colpisce davvero. E i due concerti per tre solisti (BWV 1057 e BWV 1044) offrono delle bellezze analoghe.

Nel libretto, il clavicembalista italiano specifica che i musicisti, durante la sessione di registrazione che ha preceduto di qualche ora il lockdown che avrebbe interessato l'Italia all'inizio di marzo 2020, stavano evidentemente già avendo dei dubbi su quale sarebbe stato il loro futuro professionale e personale. Tuttavia, erano pienamente focalizzati nell'impresa, concentrati nel celebrare la potenza radiosa della musica del Cantor di Lipsia. Questo particolare non sfuggirà a nessuno. Un disco che diventerà rapidamente uno dei vostri preferiti! Speriamo che Corti possa continuare al più presto con i concerti per più clavicembali. © Pierre-Yves Lascar/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

Recomposed By Max Richter: Vivaldi, The Four Seasons

Max Richter

Philip Glass: Piano Works

Víkingur Ólafsson

Philip Glass: Piano Works Víkingur Ólafsson

Beethoven : 9 Symphonies (1963)

Herbert von Karajan

Beethoven : 9 Symphonies (1963) Herbert von Karajan

Nevermind

Nirvana

Nevermind Nirvana
Altro su Qobuz
Di Francesco Corti

J.S. Bach: Harpsichord Concertos

Francesco Corti

Haydn: Harpsichord Sonatas

Francesco Corti

Haydn: Harpsichord Sonatas Francesco Corti

Bach: Little Books

Francesco Corti

Bach: Little Books Francesco Corti

COUPERIN, L.: Suites in C major / E minor / A minor / F major (International Bach Competition 2006, Winner in the Category Harpsichord) (Corti)

Francesco Corti

Bach: Partitas Nos. 1-6

Francesco Corti

Bach: Partitas Nos. 1-6 Francesco Corti

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...

Old Friends New Friends

Nils Frahm

Schubert: Winterreise

Mark Padmore

Schubert: Winterreise Mark Padmore

Souvenirs d'Italie

Maurice Steger

Souvenirs d'Italie Maurice Steger

BACH: The Art of Life

Daniil Trifonov

BACH: The Art of Life Daniil Trifonov

Exiles

Max Richter

Exiles Max Richter
Nelle Panoramiche...
Picasso e la musica

Il genio modernista di Picasso ha ben presto oltrepassato l’ambito pittorico per irradiarsi nella musica e nella danza, due arti con le quali il pittore spagnolo ha sempre avuto stretti legami, tanto da influenzare gli amici compositori incontrati lungo il cammino.

British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Bernard Herrmann e Alfred Hitchcock: una coppia quasi perfetta

Dal 1955 al 1966 il regista Alfred Hitchcock e il compositore Bernard Herrmann hanno lavorato insieme in una serie di capolavori come Psyco o Intrigo internazionale. Una collaborazione tanto eccezionale quanto turbolenta…

Nel magazine...