Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Fever Ray|If I Had a Heart

If I Had a Heart

Fever Ray

Disponibile in
16-Bit CD Quality 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Registrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Lingua disponibile: inglese

"If I Had a Heart" is the first single from the Knife's Karen Dreijer's solo project, and it's an incredibly detached, understated, and "cool" track. It's the chilling flipside to the Tin Man's verse in "If I Only Had a Brain." Instead of projecting whimsy and cheery longing, Dreijer's song is icy and unsettling. There isn't really a beat, but a hushed, persistent hum, and Dreijer harmonizes with a version of herself manipulated down a few octaves, so it sounds like a bizarre alien transmission.
© TiVo

Maggiori informazioni

If I Had a Heart

Fever Ray

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 70 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 70 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
If I Had a Heart
00:03:49

Karin Dreijer-Andersson, Composer - Fever Ray, MainArtist

2009 Rabid Records 2009 Rabid Records

2
If I Had a Heart (Familjen Remix)
00:03:54

Karin Dreijer-Andersson, Composer - Fever Ray, MainArtist

2009 Rabid Records 2009 Rabid Records

3
If I Had a Heart (Fuck Buttons Remix)
00:08:27

Karin Dreijer-Andersson, Composer - Fever Ray, MainArtist

2009 Rabid Records 2009 Rabid Records

Descrizione dell'album

"If I Had a Heart" is the first single from the Knife's Karen Dreijer's solo project, and it's an incredibly detached, understated, and "cool" track. It's the chilling flipside to the Tin Man's verse in "If I Only Had a Brain." Instead of projecting whimsy and cheery longing, Dreijer's song is icy and unsettling. There isn't really a beat, but a hushed, persistent hum, and Dreijer harmonizes with a version of herself manipulated down a few octaves, so it sounds like a bizarre alien transmission.
© TiVo

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

In Utero - 20th Anniversary Remaster

Nirvana

Lust For Life

Lana Del Rey

Lust For Life Lana Del Rey

Morning Phase

Beck

Nevermind

Nirvana

Nevermind Nirvana
Altro su Qobuz
Di Fever Ray

Falling

Fever Ray

Falling Fever Ray

Fever Ray

Fever Ray

Fever Ray Fever Ray

Fever Ray

Fever Ray

Fever Ray Fever Ray

Live at Troxy

Fever Ray

Live at Troxy Fever Ray

This Country Makes It Hard To Fuck

Fever Ray

Ti potrebbe piacere anche...

Flying Dream 1

Elbow

Happier Than Ever (Explicit)

Billie Eilish

My Universe

Coldplay

My Universe Coldplay

Blue Banisters

Lana Del Rey

Blue Banisters Lana Del Rey

Music Of The Spheres

Coldplay

Nelle Panoramiche...
Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo.

Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

Soul Music, uno sguardo al passato

Negli ultimi anni, dopo il 2010, parecchie voci fanno rivivere il soul degli anni ’60 e ’70 a colpi di album registrati «alla vecchia maniera». Con Amy Winehouse, Leon Bridges, Sharon Jones, Michael Kiwanuka e Curtis Harding, il groove vintage ha il suo ritorno di fiamma.

Nel magazine...