Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

The Doors - Hello I Love You (Adam Freeland Mixes)

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Hello I Love You (Adam Freeland Mixes)

The Doors

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Hello I Love You (Adam Freeland Mixes)

The Doors

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Hello, I Love You (Adam Freeland Mix; Day Radio Edit) 00:03:36

D. Taylor, Remix - Bruce Botnick, Engineer - JOHN DENSMORE, Drums, Vocals, Writer - Jim Morrison, Percussion, Vocals, Writer - Ray Manzarek, Keyboards, Vocals, Writer - The Doors, MainArtist - Robby Krieger, Guitar, Vocals, Writer - Paul Rothchild, Producer - Douglas Lubahn, Guitar - A Freeland, Remix - Paul A. Rothchild, Producer

2007 Rhino Entertainment Company 2006 Elektra Entertainment Group Inc., a Warner Music Group company, under license to Marine Parade Ltd.

2
Hello, I Love You (Adam Freeland Fabric Mix) 00:07:35

D. Taylor, Remix - Bruce Botnick, Engineer - JOHN DENSMORE, Drums, Vocals, Writer - Jim Morrison, Percussion, Vocals, Writer - Ray Manzarek, Keyboards, Vocals, Writer - The Doors, MainArtist - Robby Krieger, Guitar, Vocals, Writer - Paul Rothchild, Producer - Douglas Lubahn, Guitar - A Freeland, Remix - Paul A. Rothchild, Producer

2007 Rhino Entertainment Company 2006 Elektra Entertainment Group Inc., a Warner Music Group company, under license to Marine Parade Ltd.

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
The Lion King Various Artists
Beethoven: 9 Symphonies Berliner Philharmoniker
Altro su Qobuz
Di The Doors
Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo, nemmeno a quarantacinque anni dalla sua uscita.

Nel magazine...