Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Pierre Hantaï - Händel: Suites pour clavecin

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Händel: Suites pour clavecin

Pierre Hantai

Libretto digitale

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Una nuova opera di Pierre Hantaï, che ha momentaneamente preso una pausa dal suo amato Scarlatti, ed è un nuovo capolavoro! Il clavicembalista francese apre questo recital - registrato magistralmente dal team di Nicolas Bartholomée nel gennaio 2020 in Olanda, ad Haarlem - dedicato a quattro suite di Georg Friedrich Händel, con una delle meno conosciute, la HWV 426, la prima del Libro I del 1720. Immediatamente, le sue dita si immergono in questo universo vario e cosmopolita, dove l'Italia e la Francia vanno a braccetto mentre vengono riscaldate da un sole splendente. Ancora una volta, la sua arte del fraseggio stupisce, tanto quanto la maestria con cui il degno successore di Gustav Leonhardt riesce a catturare i diversi stati d'animo dei personaggi riproducendo in modo variopinto le scene.


La Suite in Fa maggiore HWV 427 è un miracolo. L'Adagio d'apertura è commovente, caratterizzato da un'incredibile e malinconica pienezza, dove si esprime al massimo l'arte di suonare il clavicembalo, di cantare e di far risplendere la polifonia. Pierre Hantaï mostra una sorprendente regolarità metrica, anche nelle ripetizioni ornamentali, tanto che il moto perpetuo nell'Allegro successivo risulta impressionante. Eppure le linee non suonano mai austere, ricordano semmai una coreografia che riproduce le linee di una Gavotte immaginaria: un'esperienza indimenticabile! Il secondo Adagio è una sorta di preludio, prima di una Fuga non lontana da quelle più gioiose del Clavicembalo ben temperato di J. S. Bach. Al centro dell'album c'è la voluttuosa e piuttosto cupa Suite in re minore, HWV 428: all'inizio il tradizionale PräludiumAllemandeCourante, poi improvvisamente una lunga Aria con un tema che si dispiega con tenerezza, per trasformarsi in uno strano mondo di divagazioni “armoniche”, come improvvisate, lanciate come frecce dal clavicembalista - questa Air et Variations è un'opera a sé stante.


Un recital magico sotto ogni aspetto, imperdibile, che darà a molti la possibilità di riscoprire ancora una volta le Suite per clavicembalo di Händel. © Pierre-Yves Lascar/Qobuz

Maggiori informazioni

Händel: Suites pour clavecin

Pierre Hantaï

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 70 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 70 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Suite in A Major, HWV 426: I. Prélude
00:02:27

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

2
Suite in A Major, HWV 426: II. Allemande
00:04:21

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

3
Suite in A Major, HWV 426: III. Courante
00:02:31

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

4
Suite in A Major, HWV 426: IV. Gigue
00:03:20

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

5
Suite in F Major, HWV 427: I. Adagio
00:03:05

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

6
Suite in F Major, HWV 427: II. Allegro
00:02:43

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

7
Suite in F Major, HWV 427: III. Adagio II
00:01:59

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

8
Suite in F Major, HWV 427: IV. Allegro (Fugue)
00:02:46

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

9
Suite in D Minor, HWV 428: I. Präludium. Allegro (Fugue)
00:04:00

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

10
Suite in D Minor, HWV 428: II. Allemande
00:04:49

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

11
Suite in D Minor, HWV 428: III. Courante
00:01:58

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

12
Suite in D Minor, HWV 428: IV. Air & 5 variations
00:09:32

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

13
Suite in D Minor, HWV 428: V. Presto
00:05:00

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

14
Fugue in C Minor, HWV 610
00:03:43

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

15
Suite in E Minor, HWV 429: I. Allegro (Fugue)
00:04:13

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

16
Suite in E Minor, HWV 429: II. Allemande
00:03:21

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

17
Suite in E Minor, HWV 429: III. Courante
00:02:14

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

18
Suite in E Minor, HWV 429: IV. Sarabande
00:03:35

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

19
Suite in E Minor, HWV 429: V. Gigue
00:02:00

George Frideric Handel, Composer - PUBLIC DOMAIN, MusicPublisher - Pierre Hantai, MainArtist, AssociatedPerformer

2020 Mirare 2020 Mirare

Descrizione dell'album

Una nuova opera di Pierre Hantaï, che ha momentaneamente preso una pausa dal suo amato Scarlatti, ed è un nuovo capolavoro! Il clavicembalista francese apre questo recital - registrato magistralmente dal team di Nicolas Bartholomée nel gennaio 2020 in Olanda, ad Haarlem - dedicato a quattro suite di Georg Friedrich Händel, con una delle meno conosciute, la HWV 426, la prima del Libro I del 1720. Immediatamente, le sue dita si immergono in questo universo vario e cosmopolita, dove l'Italia e la Francia vanno a braccetto mentre vengono riscaldate da un sole splendente. Ancora una volta, la sua arte del fraseggio stupisce, tanto quanto la maestria con cui il degno successore di Gustav Leonhardt riesce a catturare i diversi stati d'animo dei personaggi riproducendo in modo variopinto le scene.


La Suite in Fa maggiore HWV 427 è un miracolo. L'Adagio d'apertura è commovente, caratterizzato da un'incredibile e malinconica pienezza, dove si esprime al massimo l'arte di suonare il clavicembalo, di cantare e di far risplendere la polifonia. Pierre Hantaï mostra una sorprendente regolarità metrica, anche nelle ripetizioni ornamentali, tanto che il moto perpetuo nell'Allegro successivo risulta impressionante. Eppure le linee non suonano mai austere, ricordano semmai una coreografia che riproduce le linee di una Gavotte immaginaria: un'esperienza indimenticabile! Il secondo Adagio è una sorta di preludio, prima di una Fuga non lontana da quelle più gioiose del Clavicembalo ben temperato di J. S. Bach. Al centro dell'album c'è la voluttuosa e piuttosto cupa Suite in re minore, HWV 428: all'inizio il tradizionale PräludiumAllemandeCourante, poi improvvisamente una lunga Aria con un tema che si dispiega con tenerezza, per trasformarsi in uno strano mondo di divagazioni “armoniche”, come improvvisate, lanciate come frecce dal clavicembalista - questa Air et Variations è un'opera a sé stante.


Un recital magico sotto ogni aspetto, imperdibile, che darà a molti la possibilità di riscoprire ancora una volta le Suite per clavicembalo di Händel. © Pierre-Yves Lascar/Qobuz

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

Songs In The Key Of Life

Stevie Wonder

Songs In The Key Of Life Stevie Wonder

Innervisions

Stevie Wonder

Innervisions Stevie Wonder

Talking Book

Stevie Wonder

Talking Book Stevie Wonder

What's Going On

Marvin Gaye

What's Going On Marvin Gaye
Altro su Qobuz
Di Pierre Hantaï

Scarlatti : Sonates, Vol. 6

Pierre Hantaï

Domenico Scarlatti (Vol. 4) : Keyboard Sonatas

Pierre Hantaï

Bach: Variations Goldberg, BWV 988

Pierre Hantaï

Bach: Variations Goldberg

Pierre Hantaï

Bach: Variations Goldberg Pierre Hantaï

Bach : Harpsichord Concertos Vol. 3

Pierre Hantaï

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...

Road to the Sun

Pat Metheny

Road to the Sun Pat Metheny

Debussy, Szymanowski, Hahn, Ravel

Fanny Robilliard

Seasons: Orchestral Music of Michael Fine

The Royal Scottish National Orchestra

Seasons: Orchestral Music of Michael Fine The Royal Scottish National Orchestra

Debussy – Rameau

Víkingur Ólafsson

Debussy – Rameau Víkingur Ólafsson

All Shall Not Die - Haydn String Quartets

Quatuor Hanson

Nelle Panoramiche...
Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Miklós Rózsa, il colosso della musica per film

La fama di Miklós Rózsa è essenzialmente legata a kolossal come Ben-Hur e Giulio Cesare. Ma dietro questi alberi si cela una foresta lussureggiante, in cui spuntano anche titoli di film noir emblematici degli anni ’40 e produzioni concertistiche. Identikit di un compositore non convenzionale che ha dato una bella sferzata alla musica per film hollywoodiana.

Nel magazine...