Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Moses Sumney - græ

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

græ

Moses Sumney

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Beck gli ha prestato la sua penna. Sufjan Stevens ha suonato cover delle sue canzoni. James Blake, Bon Iver, Flume e Andrew Bird lo hanno ospitato nei loro album. E Solange Knowles, St. Vincent ed Erykah Badu lo frequentano: Moses Sumney è una potente calamita che affascina. L’aura del futuristico soulman ha iniziato a delinearsi nel 2017, con il suo album d’esordio Aromanticism, un impeccabile trattato di R&B intelligente e sensuale caratterizzato da un organo dalle forti sonorità gospel e da una personalità forte e spiazzante. Per sottolineare la dualità della vita quotidiana e soprattutto la sua stessa schizofrenia, Moses Sumney si sdoppia in Græ. Questo ambizioso secondo album si divide in due parti, pubblicate a tre mesi di distanza l’una dall’altra. Lo ha dipinto attingendo da un’ampia tavolozza di colori: soul, pop, jazz, rock, R&B, folk. Anche il titolo - né nero né bianco - amplifica questa posizione intermedia...
Attualmente stabilito ad Asheville, in North Carolina, il californiano, (che tra i 10 e i 16 anni ha vissuto ad Accra, in Ghana), sviluppa idee dalle sonorità duali e contrapposte. Dentro c’è tutto: la sua sessualità e le sue origini, la sua virilità e la sua fragilità, il suo falsetto e la sua voce rauca, il lusso e la purezza, le chitarre acustiche e i sintetizzatori. La prima parte è lirica, intensa e piena, ai confini del soul più barocco. La seconda parte è più calma, come in assenza di gravità. Sumney ha l’abilità di cambiare mood all’improvviso, ma senza disorientare o infastidire. Come ha detto in un’intervista, la cultura pop ha fatto vacillare il patriarcato al punto da farci dimenticare che la mascolinità non ha sempre un’accezione negativa: Græ riesce a dimostrarlo con eclettismo, e la sua voce fa da filo conduttore. Eclettismo come quello su Gagarin, cover di From Gagarin’s Point of View degli e.s.t., il trio del compianto pianista jazz svedese Esbjörn Svensson. O su jill/jack, dove invita Jill Scott a cantare (o meglio, a recitare) l’intro del brano. James Blake e Daniel Lopatin - aka Oneohtrix Point Never - sono altri due gioielli che brillano in questa vasta sinfonia, che ad ogni ascolto rivela nuovi particolari. Græ non può essere definito l’album di un nuovo Prince, perchè ha troppe sfaccettature e una moltitudine di suoni. In questa zona grigia Moses Sumney ha già la sua corona. E il suo regno è appena iniziato... © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

græ

Moses Sumney

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
insula
00:00:46

Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist - Ayesha K. Faines, Composer - Taiye Selasi, Composer

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

2
Cut Me
00:04:10

Daniel Lopatin, Composer, Lyricist - Adult Jazz, Composer, Lyricist, Producer - Moses Sumney, Composer, Lyricist, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

3
In Bloom
00:03:02

Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

4
Virile
00:04:16

Ben Baptie, Producer, Mixer - Daniel Lopatin, Producer - Noah Kardos-Fein, Composer - Moses Sumney, Composer, Lyricist, Producer, MainArtist - Andrew Chugg, Producer - Sumney Publishing, MusicPublisher - Nonlinear Noise, MusicPublisher

2020 Jagjaguwar 2019 Jagjaguwar

5
Conveyor
00:03:23

Yvette, Composer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

6
boxes
00:01:22

Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist - Michael Chabon, Composer - Ezra Miller, Composer - Ayesha K. Faines, Composer - Taiye Selasi, Composer

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

7
Gagarin
00:05:54

Dan Berglund, Composer - Magnus Öström, Composer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist - Esbjörn Svensson, Composer

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

8
jill/jack
00:01:33

Jill Scott, Composer, MainArtist - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

9
Colouour
00:03:07

FKJ, Composer, Producer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

10
also also also and and and
00:01:31

FKJ, Composer, Producer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist - Ezra Miller, Composer - Taiye Selasi, Composer

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

11
Neither/Nor
00:05:26

Ben Baptie, Producer - John Congleton, Producer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

12
Polly
00:03:38

Ben Baptie, Mixer - Moses Sumney, Composer, Lyricist, Producer, Mixer, MainArtist - Sumney Publishing, MusicPublisher - Tom Gallo, Composer, Lyricist, Mixer, MusicPublisher - Ricardo Wheelock, Mixer

2020 Jagjaguwar 2019 Jagjaguwar

DISCO 2

1
Two Dogs
00:03:56

Daniel Lopatin, Composer, Producer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

2
Bystanders
00:04:14

Daniel Lopatin, Composer - Matthew Otto, Composer, Producer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

3
Me in 20 Years
00:03:40

Daniel Lopatin, Producer - Matthew Otto, Composer, Lyricist, Producer, MusicPublisher - Moses Sumney, Composer, Lyricist, Producer, MainArtist - Sumney Publishing, MusicPublisher

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

4
Keeps Me Alive
00:02:56

Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

5
Lucky Me
00:04:57

James Blake, Composer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

6
and so I come to isolation
00:00:49

Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist - Taiye Selasi, Composer

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

7
Bless Me
00:04:59

John Congleton, Producer - Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

8
before you go
00:02:05

Moses Sumney, Composer, Producer, MainArtist - Ezra Miller, Composer - Michaela Coel, Composer - Taiye Selasi, Composer

2020 Jagjaguwar 2020 Jagjaguwar

Descrizione dell'album

Beck gli ha prestato la sua penna. Sufjan Stevens ha suonato cover delle sue canzoni. James Blake, Bon Iver, Flume e Andrew Bird lo hanno ospitato nei loro album. E Solange Knowles, St. Vincent ed Erykah Badu lo frequentano: Moses Sumney è una potente calamita che affascina. L’aura del futuristico soulman ha iniziato a delinearsi nel 2017, con il suo album d’esordio Aromanticism, un impeccabile trattato di R&B intelligente e sensuale caratterizzato da un organo dalle forti sonorità gospel e da una personalità forte e spiazzante. Per sottolineare la dualità della vita quotidiana e soprattutto la sua stessa schizofrenia, Moses Sumney si sdoppia in Græ. Questo ambizioso secondo album si divide in due parti, pubblicate a tre mesi di distanza l’una dall’altra. Lo ha dipinto attingendo da un’ampia tavolozza di colori: soul, pop, jazz, rock, R&B, folk. Anche il titolo - né nero né bianco - amplifica questa posizione intermedia...
Attualmente stabilito ad Asheville, in North Carolina, il californiano, (che tra i 10 e i 16 anni ha vissuto ad Accra, in Ghana), sviluppa idee dalle sonorità duali e contrapposte. Dentro c’è tutto: la sua sessualità e le sue origini, la sua virilità e la sua fragilità, il suo falsetto e la sua voce rauca, il lusso e la purezza, le chitarre acustiche e i sintetizzatori. La prima parte è lirica, intensa e piena, ai confini del soul più barocco. La seconda parte è più calma, come in assenza di gravità. Sumney ha l’abilità di cambiare mood all’improvviso, ma senza disorientare o infastidire. Come ha detto in un’intervista, la cultura pop ha fatto vacillare il patriarcato al punto da farci dimenticare che la mascolinità non ha sempre un’accezione negativa: Græ riesce a dimostrarlo con eclettismo, e la sua voce fa da filo conduttore. Eclettismo come quello su Gagarin, cover di From Gagarin’s Point of View degli e.s.t., il trio del compianto pianista jazz svedese Esbjörn Svensson. O su jill/jack, dove invita Jill Scott a cantare (o meglio, a recitare) l’intro del brano. James Blake e Daniel Lopatin - aka Oneohtrix Point Never - sono altri due gioielli che brillano in questa vasta sinfonia, che ad ogni ascolto rivela nuovi particolari. Græ non può essere definito l’album di un nuovo Prince, perchè ha troppe sfaccettature e una moltitudine di suoni. In questa zona grigia Moses Sumney ha già la sua corona. E il suo regno è appena iniziato... © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Munich 2016 Keith Jarrett
Songs In The Key Of Life Stevie Wonder
Innervisions Stevie Wonder
Altro su Qobuz
Di Moses Sumney
Doomed Moses Sumney
Polly Moses Sumney
Aromanticism Moses Sumney
Virile Moses Sumney
Bless Me Moses Sumney
Ti potrebbe piacere anche...
Live Vol. 1 Parcels
Myopia Agnes Obel
Ghosteen Nick Cave & The Bad Seeds
Nelle Panoramiche...
Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

Marc Ribot, l'antieroe della chitarra

Per 35 anni, il nome di Marc Ribot è apparso sulle copertine di album firmati da Tom Waits, Vinicio Capossela, Alain Bashung, Diana Krall, John Zorn, Robert Plant, Caetano Veloso e una miriade di altri musicisti. E quando non presta la sua atipica chitarra ai più grandi, il newyorkese si diverte a smontare rock, jazz, funk, musica cubana e tutto ciò che gli capita a tiro.

Nella testa di David Byrne

Ha capeggiato i Talking Heads, registrato il punk funk e la musica sudamericana, ripubblicato tesori della world music, passato ore a pedalare nelle più grandi città del mondo e fatto decine di altre cose. Ma cosa succede nella testa di David Byrne?

Nel magazine...