Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Bobby Rush - Good Stuff

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Good Stuff

Bobby Rush

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Good Stuff

Bobby Rush

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Good Stuff 00:03:45

Bobby Rush, Producer, MainArtist - Vasti Jackson, Producer

(C) 2019 Deep Rush Records marketed and distributed by Thirty Tigers (P) 2019 Deep Rush Records marketed and distributed by Thirty Tigers

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Bobby Rush
Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Eric Clapton sul filo del rasoio

Una versione dance di “Jingle Bells”, un “Lonesome Christmas” o un “White Christmas” più blues, il tutto su un album di Natale (“Happy Xmas”). Sogno o realtà? Eric Clapton lo ha fatto. In fondo, se persino Bob Dylan si è sacrificato in nome della tradizione (con l’album “Christmas in the Heart”), perché non dovrebbe farlo Dio in persona? Non che sia la prima volta che il musicista britannico, vicino ai 74, si allontana da un blues più o meno tradizionale, ma fin qui non si era ancora mai spinto…

J.J. Cale: l’eremita del blues

A più di cinque anni dalla sua scomparsa, non si può dimenticare quella fonte vitale di musica che è stato il lavoro di J.J. Cale. Con la sua fusione unica di blues, folk, country e jazz, quest'uomo venerato da Eric Clapton, che visse per un po' anche in un trailer-park, continua ad essere uno degli asceti più influenti del rock.

Nel magazine...