Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Joan Shelley - Electric Ursa

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Electric Ursa

Joan Shelley

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Lingua disponibile: inglese

The second long-player from the Louisville-based singer/songwriter with one foot in the deep bluegrass of Kentucky and the other in the rocky crags of Laurel Canyon, Electric Ursa finds Joan Shelley, who resides somewhere between Joni Mitchell, Laura Marling, and Gillian Welch, recording in her hometown with My Morning Jacket and Andrew Bird producer Kevin Ratterman. Intimate, warm, and soulful, the album features eight evocative original songs, including "Something Small," "First of August, "Long Way to Night," and the languid title track. ~ James Christopher Monger

Maggiori informazioni

Electric Ursa

Joan Shelley

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Something Small 00:04:50

Joan Shelley, Artist, Main Artist

2014 No Quarter Records 2014 No Quarter Records

2
Rising Air 00:03:04

Joan Shelley, Artist, Main Artist

2014 No Quarter Records 2014 No Quarter Records

3
First of August 00:05:07

Joan Shelley, Artist, Main Artist

2014 No Quarter Records 2014 No Quarter Records

4
River Low 00:03:31

Joan Shelley, Artist, Main Artist

2014 No Quarter Records 2014 No Quarter Records

5
Remedios 00:02:35

Joan Shelley, Artist, Main Artist

2014 No Quarter Records 2014 No Quarter Records

6
Long Way to Night 00:04:15

Joan Shelley, Artist, Main Artist

2014 No Quarter Records 2014 No Quarter Records

7
Moss & Marrow 00:04:16

Joan Shelley, Artist, Main Artist

2014 No Quarter Records 2014 No Quarter Records

8
Electric Ursa 00:04:54

Joan Shelley, Artist, Main Artist

2014 No Quarter Records 2014 No Quarter Records

Descrizione dell'album

The second long-player from the Louisville-based singer/songwriter with one foot in the deep bluegrass of Kentucky and the other in the rocky crags of Laurel Canyon, Electric Ursa finds Joan Shelley, who resides somewhere between Joni Mitchell, Laura Marling, and Gillian Welch, recording in her hometown with My Morning Jacket and Andrew Bird producer Kevin Ratterman. Intimate, warm, and soulful, the album features eight evocative original songs, including "Something Small," "First of August, "Long Way to Night," and the languid title track. ~ James Christopher Monger

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Joan Shelley
Joan Shelley Joan Shelley
Over and Even Joan Shelley
The Fading Joan Shelley
Cycle Joan Shelley

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Americana, alle radici dell’America

Il nome saprà anche di trovata commerciale un po’ fumosa, ma il genere Americana designa da una ventina d’anni quel mix di rock, country, blues e rhythm&blues. E come in ogni grande famiglia che si rispetti, si ritrovano un po’ tutti i personaggi: la figlia ribelle, lo zio colto, il padre irrequieto, la cugina esaltata…

Mark Knopfler e Dire Straits, un amore difficile

Il 14 aprile 2018, i Dire Straits facevano il loro ingresso nella Rock and Roll Hall of Fame ed erano in parecchi a pensare che fosse il momento dell’ «ora o mai più». Perfino Mark Knopfler sembrava toccato da quest’onore, nella speranza di essere premiato da Bob Dylan o Eric Clapton. Alla fine, i Dire Straits sono entrati nel pantheon dei rocker senza la loro star, che ha disertato una cerimonia tra le più tristi della storia. Quasi un simbolo del rapporto tra lui e il suo gruppo.

Guy Clark, poeta e trovatore

Venerato da Johnny Cash e molti altri ma rimasto nell’ombra fino alla morte, avvenuta due anni fa, nel maggio 2016. Chi era Guy Clark, immenso compositore texano, narratore senza uguali e trovatore dalla voce roca che ha composto brani interpretati da tutti i grandi del country e del folk?

Nel magazine...