Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Giardini Di Miro - Different Times

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Different Times

Giardini Di Miro

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Dove eravamo rimasti? L’ultimo album vero e proprio dei Giardini Di Mirò risale al 2012 (Good Luck, uscito per Santeria) e la distanza temporale rispetto ai nostri giorni sembra molto più ampia dei sei anni che risultano facendo di conto. I “tempi diversi” a cui fanno riferimento nel titolo del loro nuovo lavoro si sentono - non fosse altro per il contesto musicale in cui si muovono, una “scena” indipendente che è profondamente cambiata nel corso degli ultimi anni e ha visto l’imporsi di nuove priorità, nuovi riferimenti, nuovi attori e nuove ambizioni. 


Certo nel frattempo i Giardini non sono rimasti fermi. Hanno pubblicato un altro album esclusivamente strumentale di sonorizzazione di un film muto del 1917, Rapsodia satanica del 2014, sulla scia del bellissimo Il fuoco del 2009. Corrado Nuccini ha portato avanti la sua collaborazione con Emidio Clementi dei Massimo Volume (Quattro quartetti) e Jukka Reverberi quella con Max Collini degli Offlaga Disco Pax (Spartiti). Il loro album d’esordio, The Rise and Fall of Academic Drifting del 2001 - una delle vette del post rock europeo e uno dei classici del rock indipendente italiano - è stato ristampato in doppio vinile dalla 42 Records due anni fa e questa uscita li ha riportati di nuovo in giro in tour. Ma un disco di inediti mancava da troppo tempo. E ora che è arrivato - si intitola Different Times ed esce anche questo per la 42 - è come se il tempo per loro si fosse fermato. Questo non significa che la band di Cavriago si ripeta e non evolva. Significa semplicemente che rimane fedele a se stessa, forte di una coerenza difesa tenacemente in oltre venti anni di carriera.
I Giardini di Mirò non hanno bisogno di inseguire un malinteso suono dell’attualità perché il loro suono è diventato un marchio di fabbrica fortemente riconoscibile. Possiedono uno stile. Il post rock, la psichedelia, l’elettronica e la forma canzone, l’indie rock e certe sfumature wave - tutti ingredienti accumulati nel corso degli anni e che emergono anche qui con dosaggi diversi. Un suono che è ormai classico e non può essere diversamente: il post rock è una grammatica che hanno contribuito a codificare, le incursioni in altri territori (come l’indietronica e la voglia di scrivere canzoni in Dividing Opinions) sono state pienamente assimilate, la familiarità con quello che sanno, vogliono e possono fare ha raggiunto vette di confidenza altissime. I Giardini di Mirò guardano avanti ma tengono insieme tutto quello che sono stati - e non è un caso che per il nuovo album tornino a lavorare con Giacomo Fiorenza, il produttore del loro primo disco. L’epica serena della traccia di apertura, che dà il titolo all’album, è una piccola gemma strumentale che può tranquillamente rientrare tra le vette della loro produzione, la tenera ballata Don’t Lie, tra suoni di archi e l’ospitata di Adele Nigro di AnyOther, è un altro momento memorabile, esattamente come la successiva Hold on, realizzata con la collaborazione di lusso di Robin Proper-Sheppard (Sophia, The God Machine). Ci sono brani dalla forma canzone più canonica, come Under, che suona come il pezzo più orecchiabile e classicamente (deliziosamente) indie rock dell’album, e altri strumentali in pieno stile-Giardini (Landfall), oltre ad altre due collaborazioni importanti come quella con Glen Johnson dei Piano Magic in Failed to Chart e Daniel O’Sullivan nella finale Fieldnotes. “Tutto quello che si potrebbe chiedere a un disco dei Giardini di Mirò, ai Giardini di Mirò”, si legge nel comunicato di presentazione dell’album. Ed è vero, ed è tanto.

Maggiori informazioni

Different Times

Giardini Di Miro

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Different Times
00:08:35

Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Jukka Reverberi, Composer - Corrado Nuccini, Composer

2018 42 Records 2018 42 Records

2
Don't Lie (feat. Adele Nigro)
00:04:21

Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Jukka Reverberi, Composer, Author - Adele Nigro, FeaturedArtist

2018 42 Records 2018 42 Records

3
Hold On (feat. Robin Proper-Sheppard)
00:04:05

Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Robin Proper-Sheppard, Author, FeaturedArtist - Jukka Reverberi, Composer - Corrado Nuccini, Composer

2018 42 Records 2018 42 Records

4
Pity the Nation
00:07:29

Lawrence Ferlinghetti, Author - Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Jukka Reverberi, Composer - Corrado Nuccini, Composer

2018 42 Records 2018 42 Records

5
Failed to Chart (feat. Glen Johnson)
00:02:47

Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Jukka Reverberi, Composer - Glen Johnson, FeaturedArtist - Glenn Johnson, Author - Corrado Nuccini, Composer

2018 42 Records 2018 42 Records

6
Void Slip
00:03:13

Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Jukka Reverberi, Composer, Author - Corrado Nuccini, Composer

2018 42 Records 2018 42 Records

7
Landfall
00:05:21

Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Jukka Reverberi, Composer - Corrado Nuccini, Composer

2018 42 Records 2018 42 Records

8
Under
00:03:18

Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Jukka Reverberi, Composer - Corrado Nuccini, Composer, Author

2018 42 Records 2018 42 Records

9
Fieldnotes (feat. Daniel O'Sullivan)
00:10:22

Giardini Di Miro, Artist, MainArtist - Jukka Reverberi, Composer - Daniel O'Sullivan, Author, FeaturedArtist - Corrado Nuccini, Composer

2018 42 Records 2018 42 Records

Descrizione dell'album

Dove eravamo rimasti? L’ultimo album vero e proprio dei Giardini Di Mirò risale al 2012 (Good Luck, uscito per Santeria) e la distanza temporale rispetto ai nostri giorni sembra molto più ampia dei sei anni che risultano facendo di conto. I “tempi diversi” a cui fanno riferimento nel titolo del loro nuovo lavoro si sentono - non fosse altro per il contesto musicale in cui si muovono, una “scena” indipendente che è profondamente cambiata nel corso degli ultimi anni e ha visto l’imporsi di nuove priorità, nuovi riferimenti, nuovi attori e nuove ambizioni. 


Certo nel frattempo i Giardini non sono rimasti fermi. Hanno pubblicato un altro album esclusivamente strumentale di sonorizzazione di un film muto del 1917, Rapsodia satanica del 2014, sulla scia del bellissimo Il fuoco del 2009. Corrado Nuccini ha portato avanti la sua collaborazione con Emidio Clementi dei Massimo Volume (Quattro quartetti) e Jukka Reverberi quella con Max Collini degli Offlaga Disco Pax (Spartiti). Il loro album d’esordio, The Rise and Fall of Academic Drifting del 2001 - una delle vette del post rock europeo e uno dei classici del rock indipendente italiano - è stato ristampato in doppio vinile dalla 42 Records due anni fa e questa uscita li ha riportati di nuovo in giro in tour. Ma un disco di inediti mancava da troppo tempo. E ora che è arrivato - si intitola Different Times ed esce anche questo per la 42 - è come se il tempo per loro si fosse fermato. Questo non significa che la band di Cavriago si ripeta e non evolva. Significa semplicemente che rimane fedele a se stessa, forte di una coerenza difesa tenacemente in oltre venti anni di carriera.
I Giardini di Mirò non hanno bisogno di inseguire un malinteso suono dell’attualità perché il loro suono è diventato un marchio di fabbrica fortemente riconoscibile. Possiedono uno stile. Il post rock, la psichedelia, l’elettronica e la forma canzone, l’indie rock e certe sfumature wave - tutti ingredienti accumulati nel corso degli anni e che emergono anche qui con dosaggi diversi. Un suono che è ormai classico e non può essere diversamente: il post rock è una grammatica che hanno contribuito a codificare, le incursioni in altri territori (come l’indietronica e la voglia di scrivere canzoni in Dividing Opinions) sono state pienamente assimilate, la familiarità con quello che sanno, vogliono e possono fare ha raggiunto vette di confidenza altissime. I Giardini di Mirò guardano avanti ma tengono insieme tutto quello che sono stati - e non è un caso che per il nuovo album tornino a lavorare con Giacomo Fiorenza, il produttore del loro primo disco. L’epica serena della traccia di apertura, che dà il titolo all’album, è una piccola gemma strumentale che può tranquillamente rientrare tra le vette della loro produzione, la tenera ballata Don’t Lie, tra suoni di archi e l’ospitata di Adele Nigro di AnyOther, è un altro momento memorabile, esattamente come la successiva Hold on, realizzata con la collaborazione di lusso di Robin Proper-Sheppard (Sophia, The God Machine). Ci sono brani dalla forma canzone più canonica, come Under, che suona come il pezzo più orecchiabile e classicamente (deliziosamente) indie rock dell’album, e altri strumentali in pieno stile-Giardini (Landfall), oltre ad altre due collaborazioni importanti come quella con Glen Johnson dei Piano Magic in Failed to Chart e Daniel O’Sullivan nella finale Fieldnotes. “Tutto quello che si potrebbe chiedere a un disco dei Giardini di Mirò, ai Giardini di Mirò”, si legge nel comunicato di presentazione dell’album. Ed è vero, ed è tanto.

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Munich 2016 Keith Jarrett
Songs In The Key Of Life Stevie Wonder
Innervisions Stevie Wonder
Altro su Qobuz
Di Giardini Di Miro
Dividing Opinions Giardini Di Miro
Il Fuoco Giardini Di Miro
Punk ... Not Diet! Giardini Di Miro
Ti potrebbe piacere anche...
Live Vol. 1 Parcels
Myopia Agnes Obel
Ghosteen Nick Cave & The Bad Seeds
Nelle Panoramiche...
Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

E i Nirvana uccisero il rock ‘n’ roll

Trentadue anni fa nascevano i Nirvana: la dirotta punk più inattesa del XX secolo. Una carriera stellare, hits internazionali, orde di fan ed un tragico epilogo per questo fenomeno mondiale. E se la band di Kurt Cobain fosse l’ultima nella storia del rock? Il fenomeno di genere definitivo, se non il suo ultimo mito.

Nel magazine...