Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Pat Metheny - Bright Size Life

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Bright Size Life

Pat Metheny

Libretto digitale

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Per essere un primo tentativo, fu un colpo da maestro! Pubblicato nel 1976, Bright Size Life è stato il primo album di Pat Metheny come leader. A soli 21 anni, il chitarrista americano mostrava già una grande maturità come virtuoso compositore ed esecutore. Unì le forze con Jaco Pastorius al basso e Bob Moses su un batteria flessibile e dinamica. Questi complici ideali gli hanno permesso di sviluppare quello che in seguito sarebbe diventato il suo marchio di fabbrica: uno stile fluido e spesso lirico. Gli ampi spazi aperti del suo nativo Midwest si riflettono nella sua chitarra e nei titoli dei brani (Missouri UncompromisedMidwestern Nights Dream Omaha Celebration). Una grande saggezza emerge da questo album brillante e pulito (l’influenza di Jim Hall è evidente) che si chiude con Round Trip/Broadway Blues, un inaspettato mix di due pezzi di Ornette Coleman, uno degli idoli di Metheny, con cui avrebbe poi registrato Song X, dieci anni dopo. Ma dietro questa calma superficiale, questo giovane virtuoso voleva cambiare il mondo. Lo ha spiegato in un’intervista con Just Jazz Guitar nel 2001: “Anche se Bright Size Life potrebbe non darlo a vedere, eravamo davvero incazzati. Quell’album è una dichiarazione politica molto forte da parte nostra su come abbiamo sentito ciò che i nostri strumenti dovevano fare per essere appesi al jazz. Ascoltandolo ora, nella retrospettiva dei suoi 25 anni, penso che il nostro messaggio sia arrivato a destinazione, sono convinto che abbiamo cambiato qualcosa. Quell’album era un manifesto di alcune idee molto specifiche che sentivamo con profondamente, i termini di armonia, i termini di interazione, in termini di suono degli strumenti, più di quanto io possa spiegare. Devi ascoltare quell’album per sentire dove eravamo in quel momento”. © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

Bright Size Life

Pat Metheny

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 70 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 70 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Bright Size Life
00:04:52

Pat Metheny, Composer, Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer - JACO PASTORIUS, AssociatedPerformer, Bass (Vocal) - Manfred Eicher, Producer - Bob Moses, Drums, AssociatedPerformer - Martin Wieland, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 1976 ECM Records GmbH

2
Sirabhorn
00:05:29

Pat Metheny, Composer, Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer - JACO PASTORIUS, AssociatedPerformer, Bass (Vocal) - Manfred Eicher, Producer - Bob Moses, Drums, AssociatedPerformer - Martin Wieland, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 1976 ECM Records GmbH

3
Unity Village
00:03:40

Pat Metheny, Composer, Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer - JACO PASTORIUS, AssociatedPerformer, Bass (Vocal) - Manfred Eicher, Producer - Bob Moses, Drums, AssociatedPerformer - Martin Wieland, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 1976 ECM Records GmbH

4
Missouri Uncompromised
00:04:20

Pat Metheny, Composer, Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer - JACO PASTORIUS, AssociatedPerformer, Bass (Vocal) - Manfred Eicher, Producer - Bob Moses, Drums, AssociatedPerformer - Martin Wieland, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 1976 ECM Records GmbH

5
Midwestern Nights Dream
00:06:00

Pat Metheny, Composer, Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer - JACO PASTORIUS, AssociatedPerformer, Bass (Vocal) - Manfred Eicher, Producer - Bob Moses, Drums, AssociatedPerformer - Martin Wieland, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 1976 ECM Records GmbH

6
Unquity Road
00:03:35

Pat Metheny, Composer, Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer - JACO PASTORIUS, AssociatedPerformer, Bass (Vocal) - Manfred Eicher, Producer - Bob Moses, Drums, AssociatedPerformer - Martin Wieland, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 1976 ECM Records GmbH

7
Omaha Celebration
00:04:19

Pat Metheny, Composer, Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer - JACO PASTORIUS, AssociatedPerformer, Bass (Vocal) - Manfred Eicher, Producer - Bob Moses, Drums, AssociatedPerformer - Martin Wieland, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 1976 ECM Records GmbH

8
Round Trip / Broadway Blues
00:04:58

Pat Metheny, Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer - Ornette Coleman, Composer - JACO PASTORIUS, AssociatedPerformer, Bass (Vocal) - Manfred Eicher, Producer - Bob Moses, Drums, AssociatedPerformer - Martin Wieland, Recording Engineer, StudioPersonnel

℗ 1976 ECM Records GmbH

Descrizione dell'album

Per essere un primo tentativo, fu un colpo da maestro! Pubblicato nel 1976, Bright Size Life è stato il primo album di Pat Metheny come leader. A soli 21 anni, il chitarrista americano mostrava già una grande maturità come virtuoso compositore ed esecutore. Unì le forze con Jaco Pastorius al basso e Bob Moses su un batteria flessibile e dinamica. Questi complici ideali gli hanno permesso di sviluppare quello che in seguito sarebbe diventato il suo marchio di fabbrica: uno stile fluido e spesso lirico. Gli ampi spazi aperti del suo nativo Midwest si riflettono nella sua chitarra e nei titoli dei brani (Missouri UncompromisedMidwestern Nights Dream Omaha Celebration). Una grande saggezza emerge da questo album brillante e pulito (l’influenza di Jim Hall è evidente) che si chiude con Round Trip/Broadway Blues, un inaspettato mix di due pezzi di Ornette Coleman, uno degli idoli di Metheny, con cui avrebbe poi registrato Song X, dieci anni dopo. Ma dietro questa calma superficiale, questo giovane virtuoso voleva cambiare il mondo. Lo ha spiegato in un’intervista con Just Jazz Guitar nel 2001: “Anche se Bright Size Life potrebbe non darlo a vedere, eravamo davvero incazzati. Quell’album è una dichiarazione politica molto forte da parte nostra su come abbiamo sentito ciò che i nostri strumenti dovevano fare per essere appesi al jazz. Ascoltandolo ora, nella retrospettiva dei suoi 25 anni, penso che il nostro messaggio sia arrivato a destinazione, sono convinto che abbiamo cambiato qualcosa. Quell’album era un manifesto di alcune idee molto specifiche che sentivamo con profondamente, i termini di armonia, i termini di interazione, in termini di suono degli strumenti, più di quanto io possa spiegare. Devi ascoltare quell’album per sentire dove eravamo in quel momento”. © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

Songs In The Key Of Life

Stevie Wonder

Songs In The Key Of Life Stevie Wonder

Innervisions

Stevie Wonder

Innervisions Stevie Wonder

Talking Book

Stevie Wonder

Talking Book Stevie Wonder

What's Going On

Marvin Gaye

What's Going On Marvin Gaye
Altro su Qobuz
Di Pat Metheny

Road to the Sun

Pat Metheny

Road to the Sun Pat Metheny

80/81

Pat Metheny

80/81 Pat Metheny

From This Place

Pat Metheny

From This Place Pat Metheny

What's It All About

Pat Metheny

What's It All About Pat Metheny

Road to the Sun

Pat Metheny

Road to the Sun Pat Metheny

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...

Musica da lettura

Paolo Fresu

Musica da lettura Paolo Fresu

The Complete Charlie Parker, Vol. 4 : Bird of Paradise 1947

Charlie Parker

Trapeze

Noel Mcghie

Trapeze Noel Mcghie

On Vacation

Till Brönner

On Vacation Till Brönner

Garden of Expression

Joe Lovano

Nelle Panoramiche...
ECM in 10 album

“Il più bel suono dopo il silenzio”. Questo è stato il motto della ECM negli ultimi cinquant’anni. Manfred Eicher, il carismatico fondatore dell’etichetta di Monaco, sembra vivere in un universo parallelo. E il jazz suona diversamente sul pianeta ECM. È spesso grazie a questa etichetta che artisti come Keith Jarrett, Charles Lloyd, Jan Garbarek, Chick Corea hanno registrato i loro dischi migliori. Ancor più che con Blue Note o Impulse!, limitare l’intera storia di questa straordinaria etichetta a soli 10 dischi è una missione impossibile. Quindi, questi 10 album non raccontano “la” storia ma “una” delle possibili storie della ECM.

Il jazz del nord, terre di fusione (I)

La pulizia del suono, il dialogo interpretativo e l'esportazione di suoni autoctoni hanno fatto dei paesi nordici il paradiso del jazz europeo. Gli estremi che contraddistinguono la musica scandinava hanno definito i nuovi limiti dell'improvvisazione: Soren Bebe, Esbjörn Svensson o Jan Garbarek sono alcuni dei talenti ormai affermatisi sulla scena internazionale.

Frank Zappa, per il meglio e per una risata

Frank Zappa se ne andò il 4 dicembre 1993, ma più gli anni passano e più la sua assenza si fa sentire in maniera crudele nel panorama musicale attuale. Non che sia stato dimenticato, no, è che si cerca invano qualcuno che possa pretendere di uguagliarlo. Il genio cosmico e comico di Frank Zappa non ha equivalenti al giorno d’oggi, perché nessuno, dopo quasi tre decenni, è stato capace, come lui, di coniugare la maggior eccellenza musicale con un humour assolutamente disinibito.

Nel magazine...