Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Caravan Palace - Black Betty

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Black Betty

Caravan Palace

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Black Betty

Caravan Palace

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Black Betty 00:03:10

Caravan Palace, MainArtist

2016 Dramophone under licence to MVKA Music Limited 2016 Dramophone under licence to MVKA Music Limited

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Caravan Palace
Chronologic Caravan Palace
Caravan Palace Caravan Palace
Miracle Caravan Palace
<I°_°I> Caravan Palace
Suzy - single Caravan Palace

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Fire in the Jungle Oliver Koletzki
ANIMA Thom Yorke
To Believe The Cinematic Orchestra
No Geography The Chemical Brothers
Dreems Cassius
Nelle Panoramiche...
Jean-Michel Jarre, 50 anni di musica elettronica

Per festeggiare i suoi 50 anni di carriera, Jean-Michel Jarre pubblica l’edificante Planet Jarre, una compilation di circa quaranta brani che mette in luce la traiettoria tracciata dal pioniere della musica elettronica. L’occasione per tornare su cinque decenni in cui il francese ci ha svelato tutti i lati della sua personalità: artista, scienziato pazzo, precursore, amante dei colpi di scena, militante e infine paladino degli autori contro i giganti del Web.

Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo, nemmeno a quarantacinque anni dalla sua uscita.

Il reggae alla conquista del pop americano

Il reggae non era mai stato così in vista dai tempi di Bob Marley. Negli ultimi tre anni, le hit delle pop star americane si sono arricchite di sapori giamaicani. Da Beyonce a Rihanna, passando per Drake o Justin Bieber, sono sempre di più i cantanti che usano accompagnamenti e musiche dancehall, la versione «elegante» del reggae, resa popolare dal leggendario produttore King Jammy alla metà degli anni 80 con lo Sleng Teng, il primo reggae elettronico della storia. Una conquista praticata con guanti di velluto: ecco com’è andata.

Nel magazine...