Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

The Rolling Stones - Beggars Banquet

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Beggars Banquet

The Rolling Stones

Libretto digitale

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 88.2 kHz - Stereo

Scarica questo album per un ascolto illimitato

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Primo aldi successo per i Rolling Stones tra il 1968 e il 1972, Beggars Banquet è un vero e proprio festino rock’n’roll. Forse uno dei più grandi della storia del genere! Fin dalle prime misure sciamaniche di Sympathy For The Devil, è chiaro che Mick Jagger e Keith Richards radunano tutti i demoni della loro musica diabolica e essenziale. Il blues, la violenza, il rhythm’n’blues, il sesso, il country, la musica africana, la rivolta, il soul, la droga, la lussuria, non manca nulla all’appello di quest’orgia elettrica, dalla prosa satanica e cruda, e trasportata da chitarre stregate e da una ritmica minimalista. Grondante di note blues (Parachute Woman) o completamente spoglia (Prodigal Son et Factory Girl). Il rock non è mai stato così tanto velenoso e affascinante (Street Fighting Man) come in questo album. Richards, armi alla mano, lancia raffiche di riff di chitarra demenziali mentre Jagger canta con una potenza e una sincerità inedite. Gli Stones continuano su questo ritmo con altri tre capolavori: Let It Bleed, Sticky Fingers e Exile On Main Street. © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

Beggars Banquet

The Rolling Stones

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Scarica questo album per un ascolto illimitato

1
Sympathy For The Devil
00:06:18

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

2
No Expectations
00:03:56

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

3
Dear Doctor
00:03:22

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

4
Parachute Woman
00:02:20

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

5
Jigsaw Puzzle
00:06:06

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

6
Street Fighting Man
00:03:15

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 2008 ABKCO Music & Records Inc.

7
Prodigal Son
00:02:52

Wilkins, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

8
Stray Cat Blues
00:04:37

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

9
Factory Girl
00:02:09

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

10
Salt Of The Earth
00:04:48

KEITH RICHARDS, ComposerLyricist - MICK JAGGER, ComposerLyricist - The Rolling Stones, MainArtist - Jimmy Miller, Producer

℗ 1968 ABKCO Music & Records Inc.

Descrizione dell'album

Primo aldi successo per i Rolling Stones tra il 1968 e il 1972, Beggars Banquet è un vero e proprio festino rock’n’roll. Forse uno dei più grandi della storia del genere! Fin dalle prime misure sciamaniche di Sympathy For The Devil, è chiaro che Mick Jagger e Keith Richards radunano tutti i demoni della loro musica diabolica e essenziale. Il blues, la violenza, il rhythm’n’blues, il sesso, il country, la musica africana, la rivolta, il soul, la droga, la lussuria, non manca nulla all’appello di quest’orgia elettrica, dalla prosa satanica e cruda, e trasportata da chitarre stregate e da una ritmica minimalista. Grondante di note blues (Parachute Woman) o completamente spoglia (Prodigal Son et Factory Girl). Il rock non è mai stato così tanto velenoso e affascinante (Street Fighting Man) come in questo album. Richards, armi alla mano, lancia raffiche di riff di chitarra demenziali mentre Jagger canta con una potenza e una sincerità inedite. Gli Stones continuano su questo ritmo con altri tre capolavori: Let It Bleed, Sticky Fingers e Exile On Main Street. © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Songs From The Big Chair Tears For Fears
Who's Next The Who
Slowhand Eric Clapton
Altro su Qobuz
Di The Rolling Stones
Scarlet The Rolling Stones
Living In A Ghost Town The Rolling Stones
Beggars Banquet The Rolling Stones
The Rolling Stones In Mono The Rolling Stones

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

J.J. Cale: l’eremita del blues

A più di cinque anni dalla sua scomparsa, non si può dimenticare quella fonte vitale di musica che è stato il lavoro di J.J. Cale. Con la sua fusione unica di blues, folk, country e jazz, quest'uomo venerato da Eric Clapton, che visse per un po' anche in un trailer-park, continua ad essere uno degli asceti più influenti del rock.

1968/1972, gli anni ruggenti degli Stones

Beggars Banquet, Let It Bleed, Sticky Fingers e Exile On Main Street: in cinque anni, i Rolling Stones sfornano i loro dischi più grandi. Quattro capolavori che stravolgeranno la storia del rock’n’roll…

Nel magazine...