Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Ella Lee - Beethoven: Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral"

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Beethoven: Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral"

Ella Lee, The Mendelssohn Choir of Pittsburgh, William Steinberg, Pittsburgh Symphony Orchestra, Thomas Paul, Richard Kness, Joanna Simon

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Beethoven: Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral"

Ella Lee

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral" (Ludwig van Beethoven)

1
1. Allegro ma non troppo, un poco maestoso
00:16:01

Ludwig van Beethoven, Composer - William Steinberg, Conductor, MainArtist - Pittsburgh Symphony Orchestra, Orchestra, MainArtist - Bobby Byrne, Producer - Robert Fine, Engineer, StudioPersonnel - Julie Klages, Producer

℗ 1966 Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

2
2. Molto vivace
00:11:58

Ludwig van Beethoven, Composer - William Steinberg, Conductor, MainArtist - Pittsburgh Symphony Orchestra, Orchestra, MainArtist - Bobby Byrne, Producer - Robert Fine, Engineer, StudioPersonnel - Julie Klages, Producer

℗ 1966 Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

3
3. Adagio molto e cantabile
00:16:06

Ludwig van Beethoven, Composer - William Steinberg, Conductor, MainArtist - Pittsburgh Symphony Orchestra, Orchestra, MainArtist - Bobby Byrne, Producer - Robert Fine, Engineer, StudioPersonnel - Julie Klages, Producer

℗ 1966 Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

4
4. Finale (Presto - Allegro assai)
00:24:45

Richard Kness, Tenor, MainArtist, AssociatedPerformer - Thomas Paul, Bass, MainArtist, AssociatedPerformer - Ludwig van Beethoven, Composer - William Steinberg, Conductor, MainArtist - Pittsburgh Symphony Orchestra, Orchestra, MainArtist - Bobby Byrne, Producer - Joanna Simon, Mezzo-Soprano, MainArtist, AssociatedPerformer - The Mendelssohn Choir of Pittsburgh, Choir, MainArtist - Robert Fine, Engineer, StudioPersonnel - Friedrich Johann Christoph von Schiller, Author - Ella Lee, Soprano, MainArtist, AssociatedPerformer - Julie Klages, Producer

℗ 1966 Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Ella Lee
Garden Grow Ella Lee

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Nils Frahm: il pianoforte come non lo avete mai sentito suonare

Salutato dai critici di musica classica come dagli amanti di esperimenti elettronici, il talento di Nils Frahm ha messo d’accordo tutti negli ultimi dieci anni. Che usi un organo da chiesa o un sintetizzatore dotato di pedali per effetti, il pianista tedesco guarda sempre avanti. Impossibile non restarne affascinati.

British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Jorge Bolet & Franz Liszt

Fra le sue dita, la musica di Franz Liszt è emersa sotto una nuova luce, grazie ad una visione allo stesso tempo poetica e lirica, molto lontana dal virtuosismo gratuito e chiassoso che si sente troppo spesso. Ai primi degli anni Ottanta, Jorge Bolet incide per DECCA un’antologia del compositore ungherese che farà storia, alla quale si aggiungono altre incisioni realizzate per l’etichetta spagnola ENSAYO, per RCA negli anni Settanta, per EVEREST nel 1960, nonché registrazioni di studio e radiofoniche negli anni Cinquanta, quando aveva ancora tutte le sue straordinarie risorse tecniche.

Nel magazine...