Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Franz Ferdinand - Always Ascending

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Always Ascending

Franz Ferdinand

Libretto digitale

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Capelli biondo ossigenato, occhi truccati di nero, abito nero e casting che cambia in via accessoria. I Franz Ferdinand si rinnovano completamente. Il carismatico Nick McCarthy ha scelto di lasciare la nave per occuparsi della sua. E dato che ha abbandonato quella che è stata un’osmosi originale di dieci anni, Alex Kapranos e il bassista Bob Hardy hanno dovuto sostituire il loro chitarrista. Pur non perdendo la sua identità, l’arrivo del polivalente Julian Corrie (Miaoux Miaoux, Maple Leaves), dagli acuti pazzeschi, e di Dino Bardot ridistribuisce i ruoli all’interno del gruppo scozzese. Anche se seconda dopo la battaglia – dato che l’album era terminato-, la fibra synth-pop di Corrie vi ha trovato rifugio.

Registrato in sei giorni a Parigi, negli studi di registrazione di Philippe Zdar, l’altra metà dei Cassius ma anche produttore dei Beastie Boys, di Cat Power, dei Phoenix e The Rapture, l’album giustamente intitolato Always Ascending ha il gusto del divertimento e della festa. Tastiere provocanti stile electro-rock confezionate per le piste da ballo dei club (i successi Feel The Love Go e Always Ascending) permettono al quartetto diventato quintetto di trovare vigore. Un’ispirazione ritrovata infine, dal 2014, con i FFS che li univa al loro idolo e adoratore pop, i fratelli americani Maël, alias Sparks. Essendo trascorsi cinque anni, era giunto il momento per il gruppo di Kapranos di concentrarsi sui Franz Ferdinand. I consueti loop battenti (Loïc Lane, Lazy Boy) dai vaghi accenti disco di Glimpse Of Love passando per le ballate The Academy Award e Slow Don’t Kill Me Slow, due pause salvifiche nel bel mezzo di questa successione sfrenata–, questo quinto opus non fa che confermare ciò che sapevamo già: i Franz Ferdinand sono uno dei più importanti gruppi scozzesi. © CS/Qobuz

Maggiori informazioni

Always Ascending

Franz Ferdinand

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Always Ascending
00:05:21

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

2
Lazy Boy
00:02:59

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

3
Paper Cages
00:03:40

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

4
Finally
00:03:09

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

5
The Academy Award
00:04:14

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

6
Lois Lane
00:03:34

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

7
Huck And Jim
00:03:35

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

8
Glimpse Of Love
00:03:12

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

9
Feel The Love Go
00:04:46

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

10
Slow Don't Kill Me Slow
00:05:18

Franz Ferdinand, Primary - Alex kapranos, Composer - Bob Hardy, Composer - Paul Thomson, Composer - Julian Corrie, Composer

Domino Recording Co Ltd 2018

Descrizione dell'album

Capelli biondo ossigenato, occhi truccati di nero, abito nero e casting che cambia in via accessoria. I Franz Ferdinand si rinnovano completamente. Il carismatico Nick McCarthy ha scelto di lasciare la nave per occuparsi della sua. E dato che ha abbandonato quella che è stata un’osmosi originale di dieci anni, Alex Kapranos e il bassista Bob Hardy hanno dovuto sostituire il loro chitarrista. Pur non perdendo la sua identità, l’arrivo del polivalente Julian Corrie (Miaoux Miaoux, Maple Leaves), dagli acuti pazzeschi, e di Dino Bardot ridistribuisce i ruoli all’interno del gruppo scozzese. Anche se seconda dopo la battaglia – dato che l’album era terminato-, la fibra synth-pop di Corrie vi ha trovato rifugio.

Registrato in sei giorni a Parigi, negli studi di registrazione di Philippe Zdar, l’altra metà dei Cassius ma anche produttore dei Beastie Boys, di Cat Power, dei Phoenix e The Rapture, l’album giustamente intitolato Always Ascending ha il gusto del divertimento e della festa. Tastiere provocanti stile electro-rock confezionate per le piste da ballo dei club (i successi Feel The Love Go e Always Ascending) permettono al quartetto diventato quintetto di trovare vigore. Un’ispirazione ritrovata infine, dal 2014, con i FFS che li univa al loro idolo e adoratore pop, i fratelli americani Maël, alias Sparks. Essendo trascorsi cinque anni, era giunto il momento per il gruppo di Kapranos di concentrarsi sui Franz Ferdinand. I consueti loop battenti (Loïc Lane, Lazy Boy) dai vaghi accenti disco di Glimpse Of Love passando per le ballate The Academy Award e Slow Don’t Kill Me Slow, due pause salvifiche nel bel mezzo di questa successione sfrenata–, questo quinto opus non fa che confermare ciò che sapevamo già: i Franz Ferdinand sono uno dei più importanti gruppi scozzesi. © CS/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Munich 2016 Keith Jarrett
Songs In The Key Of Life Stevie Wonder
Innervisions Stevie Wonder
Altro su Qobuz
Di Franz Ferdinand
Glimpse Of Love Franz Ferdinand
Franz Ferdinand Franz Ferdinand
Feel The Love Go Franz Ferdinand

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Live Vol. 1 Parcels
Myopia Agnes Obel
Ghosteen Nick Cave & The Bad Seeds
Nelle Panoramiche...
Lhasa, la stella indimenticabile

Con soli tre album in studio, un live e tre tournée internazionali, Lhasa de Sela ha lasciato una traccia unica nella storia della musica popolare contemporanea. La Llorona, The Living Road e Lhasa sono delle opere distinte e mature che rivelano un universo strano ma familiare, a metà strada tra il sogno e la realtà. Queste canzoni chiaro-scure sono caratterizzate da dei sentimenti sinceri di un’artista il cui canto a fior di pelle propone un patto di intima complicità con colui che l’ascolta. Nella vita di Lhasa de Sela vi sono tutti gli ingredienti di una leggenda, le tappe di un romanzo e le emozioni di una storia bella ed emozionante.

Kraftwerk, 50 anni in anticipo

Kraftwerk, il gruppo di musica elettronica più influente della storia, fondato da Ralf Hütter e Florian Schneider (scomparso il 6 maggio 2020 a causa di un cancro), è sempre stato in anticipo sui tempi. Precursori sulle tecnologie, la composizione, le performance sceniche, i tedeschi hanno dimostrato al pubblico che le macchine sono anche strumenti capaci di generare emozioni, spianando la strada alla techno, alla new wave e persino all'hip-hop.

Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

Nel magazine...